ODONTOIATRIA LASER

Il Laser è un dispositivo che produce e amplifica la luce. La luce prodotta dal laser ha caratteristiche particolari che rendono il raggio estremamente concentrato e in grado di trasportare una elevata quantità di energia. Tale energia viene veicolata attraverso fibre ottiche.

Il laser d’elezione per trattare i tessuti molli, è il laser a diodi. Infatti, la sua selettività per l’emoglobina lo rende un efficace emostatico, rendendo quindi superflua la sutura. Il fatto di non suturare risulta particolarmente utile quando la velocità d’intervento risulta essere un fattore di successo determinante come nei bambini e nel paziente con scarsa collaborazione.

Il laser a diodi viene utilizzato per svariate applicazioni tra cui:

Chirurgia orale

L’ampio utilizzo del laser a diodi nella chirurgia orale è giustificato dai seguenti fattori:

– Il taglio è preciso e non sanguina

– l’edema post-operatorio è ridotto

– Il raggio possiede azione antiflogistica ed antinfiammatoria

– Le procedure di rimodellamento gengivale si attuano senza apportare danni ai tessuti limitrofi.

Paradontologia

Il parodonto è costituito dalla gengiva, dall’ osso alveolare, dal cemento radicolare (tessuto che ricopre la radice del dente) e dal legamento parodontale.

La malattia parodontale, comunemente conosciuta come “piorrea“, è caratterizzata da sanguinamento gengivale e dalla riduzione del livello dell’osso e di conseguenza delle gengive. Il motivo principale dell’insorgenza delle malattie del parodonto è l’accumulo di placca e tartaro.

Spesso la malattia parodontale esordisce con una infiammazione (gengivite). Tale infiammazione, se trascurata, può evolvere fino a diventare parodontite. I batteri penetrano tra dente e gengiva formando delle tasche parodontali, coinvolgendo la radice e l’osso che tende a riassorbirsi. Si verifica un progressivo indebolimento del dente nell’osso di sostegno ed infine, compare la mobilità dei denti. Spesso in questa fase l’unica cosa da fare è estrarre il dente che si muove. Solo in rari casi è possibile tentare una ricostruzione guidata del tessuto osseo.

Come primo step è necessario procedere ad un trattamento con un ablatore a ultrasuoni, successivamente eseguire un “currettage” gengivale, dopo aver eseguito un corretto sondaggio parodontale (mappatura delle tasche), un full radiografico.

laser_odontoiatria

Il trattamento può essere completato mediante l’inserimento di una fibra ottica tra il dente ed il bordo gengivale, così da raggiungere l’area da permettere la rimozione dei batteri e quindi  “sterilizzare” le tasche, favorendo così una rapida guarigione.

Endodonzia

La terapia laser assistita delle infezioni dentarie, in aggiunta al trattamento canalare tradizionale, permette di sterilizzare i canali dei denti infetti, ottenendo una rapida guarigione con ridotto dolore post-operatorio.

Utilizzo del laser con fibra ottica

per la disinfezione dei canali

I granulomi dentali possono essere prevenuti introducendo una fibra ottica all’interno del canale, ottenendo così una completa sterilizzazione. L’otturazione del canale avviene generalmente in una sola seduta, con una guarigione rapida e senza dolore e con minore necessità di assumere antibiotici ed antidolorifici.

Sbiancamento

Lo sbiancamento dei denti vitali e non vitali, viene effettuato attraverso l’ausilio di prodotti sbiancanti a base di perossidi, studiati appositamente per essere combinati con le sorgenti laser. Il trattamento con il laser assicura uno sbiancamento di migliore qualità e durata.

Richiedi informazioni per il Trattamento